Il mio ruolo è quello di interfacciarmi con l’insegnante di ruolo ma questo a volte viene letto con diffidenza dagli insegnanti. In questo caso sono questi insegnanti per me sono un promemoria di come non devo diventare.

La ragazzina mi ha dato una spinta personale, ho capito che mi piaceva lavorare  in questo campo. A livello emotivo ho dovuto lavorare molto perché spesso ho input che mi riportano a mio fratello ed alla sua sofferenza… ad esempio il silenzio c’è un alta probabilità che questa cosa l’hai già vissuta sai dove stanno  parando ricordi il tuo trascorso personale e devi prenderne le distanze dal tuo percorso perché altrimenti non sei più professionale

Una sofferenza… si sentono stupidi hanno una bassissima autostima, non si sentono normali, i bimbi poi non aiutano, a volte insegnanti non comprendono…

Tutte queste sofferenze possono portare a quello che tecnicamente viene definita una comorbidità

Spesso sono oppositivo provocatori o andare in depressione la differenza la fa il carattere!

Oggi la legge ti tutela perché spiega cos’è il disturbo dell’apprendimento e le modalità da usare come strumenti compensativi e dispensativi ad esempio le mappe cognitive

Es. compensativi Interrogazione con mappa concettuale usare la calcolatrice avere tempi più lunghi per verifica scritta e o meno domande ma stessa scala valutativa ma spesso non avviene eccc

Con la Aide associazione italiana dislessia sez di Napoli andiamo nelle classi a spiegare cosa è essere DSA 

Dispensativi: con la materia straniera es puoi fare solo l’orale e non lo scritto

Valutazione solo sullo scritto.  Ma per ciascun DSA ci saranno necessità diverse perché sono diversi le manifestazioni che hanno

Progetto Cannavaro Ferrara “Un tutor per amico”

Volevo fare il mio lavoro con tutti i bambini ragazzi che non hanno molte possibilità economiche

Ho avuto la fortuna che la fondazione Ferrara Cannavaro ha creduto in me ed ha presentato il mio progetto alla scuola Foscolo Oberdan di Piazza del Gesù.

Un comprensivo ( materna Medie) cinque plessi

Ci tengo molto anche perché credo nel lavoro di rete credo faccia la differenza

Secondo me se si riesce ad entrare nelle equipe scolastiche i vantaggi che hanno i ragazzi dsa sono notevoli, lo vedo per i singoli ragazzi che seguo.

Come definisce la legge hanno potuto partecipare quei ragazzi che hanno presentato una certificazione adeguata cioè pubblica  o privata ma accreditata (…) per 

Fatta questa selezione si è svolto in un laboratorio informatico poiché c’è bisogno del pc sono molti i programmi che si utilizzano per i dsa gratis… molte le case che stanno lavorando a programmi adatti alcuni gratis e scaricabili.

Tutoraggio è dalla 14 alle 16 due volte alla sett. e atraverso i compiti impariamo a trovare per insieme per ciascuno di loro il proprio metodo di apprendimento.

Sono coinvolti anche i genitori poiché spesso chiedono un confronto 

Abbiamo imparato anche  come scaricare i libri ecc spiegato anche ai genitori (Audiolibro e libro) 

Ora ho strutturato una evoluzione di un Tutor per amico, come se fosse una seconda parte di questo progetto 

Io credo che soprattutto a sud la mia” figura non esiste” a genova per esempio l’approccio con la scuola è diverso, c’è già più cultura

La mia idea è quella di formare dei tutor dell’apprendimento e soprattutto mi piacerebbe formare proprio ragazzi dsa ovviamente quelli che sono riusciti a compensare al meglio il proprio disturbo.

Chi meglio di un dsa può diventare esempio e tutor per un altro dsa?

Ora stiamo strutturando una equipe formata da me Tutor, logopedisti psicologi ed un prof di inglese per l acomplessita della lingua straniera 

Al temnine i ragazzi faranno uno stage e monitorati da me in qualità di tutor esperto 

La differenza sarà nel fatto che loro svolgeranno una pratica al termine della quale avranno un attestato di formazione e ho preteso un minimo di retribuzione così che siano motivati e responsabilizzati oltre a svolgere un piccolo precorso nel mondo del lavoro 

L’idea è venuta dall’osservare cosa scatta tra i miei ragazzi, in genere lavoro in individuo le  ho due ragazze che sono nella stessa classe e li una volta l’uno una volta l’altra svolgono il tutoraggio tra loro e questo l’ho osservato ancor più con il progetto loro hanno  compito di farlo insieme e scatta il tutoring  tra coetanei il pire education

Il rapporto ottimale tra insegnati e ragazzi è 1 a 3 

La cosa bella è la fiducia che riconquistano gli occhi che brillano per una interrogazione andata bene 

Mi piace rassicurare i miei studenti mostrandogli anche le mie lacune la mia diversità

Scienze dell’educazione e corsi di formazione quando ho cominciato non c’erano specifici sono ancora in formazione e si modellano pian piano ma l’esperienza è quella che ti forma di più

Giacomo Stella è il pioniere fondatore della disciplina.

Napoli: creativa ed in evoluzione